Amore materno

L’amore materno aiuta ad essere adulti migliori, lo dimostra un recente studio. Una mamma più supportiva incrementa e velocizza lo sviluppo dell’ippocampo del proprio bimbo.

Lo avrai sentito e (probabilmente) detto o pensato diverse volte: “di mamma ce n’è una sola”, “la mamma è sempre la mamma” e tante altre frasi di profondo amore dedicate a colei che ci ha tenuto nel grembo per 9 mesi. Beh, sai che c’è? Che queste non sono solo frasi d’amore o semplici detti popolari. L’amore materno, come già l’allattamento al seno, ha dei potenti benefici sulla crescita del proprio bimbo ed in particolare sul cervello! Lo dimostra un recente studio condotto da un team di ricercatori della Washington University  condotto su 127 bambini, da quando erano in procinto di iniziare la scuola fino alla prima adolescenza: l’amore materno può aiutare il cervello a svilupparsi più del doppio e più velocemente, soprattutto in alcune aree chiave come l’ippocampo.

L’ippocampo, l’area del cervello nel lobo frontale sede della memoria a lungo termine e della percezione spaziale, che svolge un ruolo fondamentale nel processo di apprendimento, nel controllo delle emozioni e nella gestione del livello di stress dell’organismo, trarrebbe particolare giovamento dall’immenso amore materno.

La relazione tra genitore e figlio nel periodo che precede la scuola, è vitale – spiega la dottoressa Joan Luby autrice dello studio – questo perché il cervello dei piccoli (prima dei sei anni), ha maggiore plasticità ed è influenzato maggiormente (recepisce tutto senza alcun filtro), dalle esperienze nelle prime fasi della vita. Perciò – conclude – è importante che il bambino riceva supporto e accudimento“. Lo studio, pubblicato online su Pnas, Proceedings of the National Academy of Sciences, mette in evidenza inoltre che i soggetti più supportati (leggi seguiti maggiormente o meglio), hanno mostrato anche una migliore capacità di relazionarsi al prossimo, rispetto a quelli meno supportati. Così i benefici dell’amore di una madre sembrano non avere confini, infonde sicurezza e fiducia aiutandolo a crescere nel migliore dei modi.

Questo surplus d’amore materno da rovesciare sul proprio bimbo, non significa doverlo “viziare” in maniera fine a se stessa: si tratta di essere presente e supportarlo nelle decisioni e nelle diverse situazioni nelle quali  può trovarsi a partire dall’infanzia fino ai primi anni dell’adolescenza.

Insomma, l’amore di mamma rende i figli più intelligenti.

.