menù feste

Le feste natalizie? Il cenone di San Silvestro?

Purtroppo non solo gioie per bimbi e genitori. In questi periodi gli ospedali sono presi d’assalto da famiglie con bambini ( ma anche adulti, va ammesso) che hanno fatto indigestione proprio durante le feste.

Secondo gli esperti dell’ Associazione mondiale per le malattie infettive e i disordini immunologici esistono delle semplici ma importanti regole da seguire per trascorrere pranzi e cene in maniera sicura, senza che si trasformino in fonti di malattie né per i bambini né per i loro genitori. Ecco le regole principali:

 

  1. Il menù delle festività deve essere buono ma anche sano: meglio evitare dunque cibi troppo elaborati e limitare il consumo di salame e insaccati vari che, insieme alle conserve di frutta e verdura fatte in casa, possono essere all’origine di intossicazioni importanti come il botulismo.
  2. Nel preparare i cenoni delle feste, è bene adottare una serie di comportamenti corretti e prudenti: lavare bene le mani prima di manipolare qualsiasi alimento, cuocere bene i cibi in modo che anche le parti interne raggiungano una temperatura di 70 gradi e consumaterli subito dopo la cottura, senza farli freddare per poi riscaldarli. Importante anche evitare infine ogni contatto fra cibi crudi e cotti.
  3. Faee particolare attenzione alle uova crude e alle verdure non lavate: con questi alimenti uno dei rischi più frequenti è proprio la salmonellosi, un’intossicazione caratterizzata da sintomi quali nausea, vomito e dolori addominali. I derivati di uova crude, poi, come gelati e dolci alla crema, oltre alla maionese e salse varie, sono alimenti responsabili delle intossicazioni da Staphylococcus aureus.
  4. Mai dimenticare, soprattutto nei bambini, il pericolo allergie e manifestazioni gastrointestinali con pesce e molluschi crudichepossono essere portatori di un parassita, l’Anisakis, nocivo per l’essere umano.
  5. Attenzione a non esagerare dando ai piccoli panettoni e cioccolata a volontà: è importante scegliere prodotti di buona qualità e tenere presente che in alcuni bimbi, ma anche in alcuni adulti per la verità, il cioccolato consumato in quantità eccessive può dare reazioni allergiche.
  6. A fine cenone ricordare la regola delle due ore: non fare consumare ai piccoli ( né agli adulti) cibi avanzati (precedentemente riscaldati o raffreddati) se rimasti a temperatura ambiente per più di 2 ore. In caso di ambienti surriscaldati il tempo si riduce ad 1 ora; se invece si preferisce conservarli per i giorni successivi è raccomandabile congelarli sempre entro 2 ore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *