Bonus mamme domani

Bonus Mamme Domani, di importo pari a 800€, per tutte le nascite adozioni o affidamenti che avvengono nell’anno in corso, requisiti ampi e senza limiti di reddito.

Nella nuova Legge di Bilancio 2017 del Governo, all’interno del capitolo “Politiche Sociali e per la Famiglia” è presente anche un BONUS per le Neo Mamme, chiamato BONUS MAMME DOMANI o Premio alla Nascita.

In cosa consiste?
Il Bonus Mamme Domani entrato in vigore a partire dal 1° gennaio 2017, prevede l’erogazione, da parte dell’INPS , di un importo pari a 800,00€

A chi spetta?
Il Bonus Mamme Domani spetta a tutte le donne che nell’anno in corso: siano incinte al 7° mese, o che abbiano già partorito, o che adottino o abbiano adottato un bambino, o infine in caso di affidamento.
La novità importante è che non ci sono limiti di reddito.

Requisiti per la richiesta:
– residenza italiana;
– cittadinanza italiana o comunitaria; le cittadine non comunitarie in possesso dello status di rifugiato politico e protezione sussidiaria sono equiparate alle cittadine italiane;
– per le cittadine non comunitarie, possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo, oppure di una delle carte di soggiorno per familiari di cittadini UE

Quando e come fare richiesta?
La richiesta, va presentata solo a partire dal 7° mese di gravidanza (per via del minore rischio di interruzione involontaria di gravidanza, ndr).
La richiesta deve essere corredata di alcuni importanti documenti:
– certificazione sanitaria rilasciata dal medico specialista del Servizio sanitario nazionale, attestante la data presunta del parto;
– se la domanda del premio è presentata in relazione al parto, la madre dovrà autocertificare nella domanda la data del parto e le generalità del bambino;
– in caso di adozione/o affidamento preadottivo se la richiedente non allega alla domanda il provvedimento giudiziario occorrerà che nella domanda siano riportati gli elementi (sezione del tribunale, la data di deposito in cancelleria ed il relativo numero) che consentano all’Inps il reperimento del provvedimento stesso presso l’Amministrazione che lo detiene;
– se la domanda è presentata dalla cittadina non comunitaria – occorrerà allegare alla domanda copia di uno dei titoli di soggiorno utili per accedere al premio con tutti gli estremi che consentano la verifica del titolo di soggiorno.

La domanda va presentata per via telematica, in maniera autonoma (collegandosi al sito www.inps.it e l’uso del proprio PIN per i servizi online) oppure tramite l’ausilio di un CAF (o patronato) che abbia l’abilitazione a tali operazioni.

E nel caso di parto gemellare?
Eh, le specificazioni della recente circolare INPS non  lasciano scampo: sarà concesso un assegno di 800 euro in un’unica soluzione e per evento; quindi anche in caso di parti gemellari, si riceveranno solo gli 800,00€ e non l’importo raddoppiato (o triplicato) come invece si ipotizzava da più parti.

Non finisce qui..
Oltre al Bonus Mamme Domani, nel 2017 sarà possibile richiedere ulteriori benefici pubblici per le nuove nascite. Tra questi, i voucher baby sitter e asilo nido e del bonus bebè che è stato notevolmente rafforzato.

.