ricordi

Le emozioni più grandi restano per sempre impresse nella nostra memoria, non c’è alcun dubbio.

Fra queste certamente la nascita dei nostri bambini, le loro prime parole, i primi passi, i primi giorni di scuola. Ma se c’è una cosa che è importante tramandare, quella, sono i ricordi.

E per farli riaffiorare, a volte, basta un oggetto: un oggetto insignificante per tutto il mondo, incredibilmente prezioso per voi. Vogliamo dunque raccontarvi dieci modi per conservare e tramandare il ricordo dei vostri bambini quando erano piccoli. Dieci idee semplici ma preziose.

 

1)      La gravidanza day by day

Basta una macchina fotografica ( o uno smartphone): l’ideale è mettersi in posa di profilo, sempre nella stessa posizione, e scattare una foto al mese. Rimarranno gli scatti emozionanti di un corpo che cambia per far spazio ad una nuova vita.

2)      Il braccialetto dell’ospedale

Conservate il braccialetto che vi è stato assegnato durante il parto: questo piccolo braccialettino può finire in una delle tipiche palline di cristallo che si appendono tradizionalmente all’albero di natale. Ogni anno lo rivedrete. In fondo, è stato davvero il regalo più bello.

3)      L’album dei disegni

Tenete i disegni che più vi piacciono o a cui siete più legate, fatti personalmente dai vostri piccoli, segnando la data. Quando saranno cresciuti li potrete rilegare in un semplice album. Sfogliarlo insieme, magari parecchi anni dopo, sarà come fare un tuffo nel passato più bello.

4)      L’altezza

Un classico dei classici è misurare l’altezza di tutti i vostri bambini e disegnare un trattino con una matita o con un pennarello sullo stipite della porta (o su un muro): un ricordo che vi riporterà sempre alla vita passata con i vostri piccoli, anche quando saranno diventati uomini.

5)      La teca dei giochi

Che fine fanno le macchinine o le bamboline con cui i vostri figli hanno giocato ore ed ore? Anziché buttarle, farle finire in cantina oppure regalarle, si possono custodire in delle eleganti teche in vetro da appendere al muro. Un complemento d’arredo che tutti vi invidieranno.

6)      Le interviste

Cosa volevano fare da grandi i vostri figli quando erano bambini? C’è da scommettere che a tre anni volevano fare una cosa e a dieci anni un’altra. Ecco, per conservare questi ricordi e riderne insieme, organizzate delle brevi e divertenti interviste ai vostri piccoli. Le domande devono essere le stesse, ripetute ogni anno: qual è il tuo colore preferito? E il tuo migliore amico? Cosa vorresti fare da grande? Questi sono solo alcuni esempi. Ricordatevi di segnare le risposte per avere delle interviste da sfoderare alla prima occasione!

7)      Le foto insieme

Un esperimento particolarmente riuscito è quello di un padre asiatico che ha scattato una fotografia all’anno in bianco e nero insieme al suo bambino, sempre nella stessa posizione. Quella foto è stata scattata per ben ventisette anni, fino a quando oltre al padre e al figlio, si è aggiunto anche il nipote. Un’idea meravigliosa per ricordare l’amore di una famiglia.

8)      Le cornici “memory keeping”

Vostra figlia ama la danza? Vostro figlio ama la tecnologia? Conservate in delle cornici gli oggetti che hanno consentito loro di muovere i primi passi nelle loro passioni. Le scarpette da ballo o perché no, il primo mouse. Incorniciateli e appendeteli al muro. In casa avrete sempre la passione dei vostri bambini.

9)      Le attività fatte insieme

Tenete da parte i biglietti delle cose fatte insieme: cinema, teatro, viaggi, attività sportive. Incollateli in un album, se volete corredate con delle vostre note scritte a penna, e avrete a disposizione un quaderno dei ricordi in piena regola.

10)  La scatola dei ricordi

Grande o piccola che sia, qui potete infilare tutto. Dal primo dentino alla prima pagella, dalle prime scarpine alla prima nota scolastica. Compreso il vostro reggiseno da allattamento e la panciera. Una scatola che potrà avere un lungo destino, magari passando di generazione in generazione.